Prenotare
direttamente e
5 % di sconto
sono i suoi

DE | EN
+ 39 0474 972213
info@alpenhotel-ratsberg.com
Webcam Val Pusteria Dobbiaco
  • 1geschichte
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

La storia dell'Alpenhotel Ratsberg a Dobbiaco

Retrospettiva sui 50 anni

Nel 1948, i nostri nonni Ida e Josef Stauder costruirono, qui a Monte Rota, la prima casetta di legno ponendo in questo modo le prime fondamenta.
A quei tempi era ancora in funzione la funivia del Monte Rota che portava fino ai campi a quota 1850 m. La funivia, costruita in legno, fu una delle prime ad essere messa in funzione in Alta Pusteria.
Già nell'anno 1951 qui sul Monte Rota venne disputato un campionato italiano della Telve (compagnia telefonica italiana).

Nel 1959 l'impianto di risalita fu accorciato fino all'altezza del gruppo di casolari di Monte Rota e nonna Ida acquistò, assieme a nostro padre, 25 mq di terreno dal signor Andreas Kühbacher con l'intenzione di costruirvi sopra l'Alpenhotel Monte Rota. A quei tempi si lavorava ancora con paletta e piccone in quanto gli strumenti moderni erano troppo costosi.

Nostro padre ha lavorato per 13 anni come portiere a Cortina e nostra madre Anny come cuoca dapprima sull'Alpe di Siusi e successivamente qui a Dobbiaco all'Hotel Bellevue, dove poi si sono conosciuti.

I lavori per la costruzione dell'hotel iniziarono nel 1959. Tutti i materiali edili dovettero essere trasportati a monte tramite trattore, cosa che creo notevoli difficoltà al cantiere oltre naturalmente a rendere il tutto molto più costoso. I lavoratori avevano bisogno di vitto e alloggio e scendere in paese ogni giorni sarebbe stato troppo difficoltoso. A risolvere questa situazione ci pensò la famiglia Kühbacher, presso la quale gli operai poterono appoggiarsi.

Il 6 Gennaio del 1961 si celebrò l'inaugurazione. Papà lavorava ancora a Cortina mentre la mamma con i nonni qui a Monte Rota. A quei tempi, l'Alpenhotel Monte Rota disponeva di 4 camere da 8 letti, doccia e servizi igienici sul piano e lavandini con acqua corrente calda e fredda in ogni stanza. Grazie ad un operoso albergatore di Dobbiaco i nostri genitori ottennero gli indirizzi di varie agenzie turistiche tedesche, cosa che gli fu molto d'aiuto.

A partire dal 1962 anche papà iniziò a lavorare in albergo. Il suo compito era di andare a prendere gli ospiti che arrivavano con il treno e di accompagnarli a piedi fino alla seggiovia che li avrebbe portati su insieme ai loro bagagli (a quei tempi la strada non esisteva ancora).

Il primo maggio 1962 i miei genitori si sposarono e in Settembre diedero alla luce la loro prima figlia Sieglinde.

Nel 1962 ebbero anche luogo la prima ristrutturazione e il primo ampliamento dell'hotel: da 4 le camere divennero 14.

Nel 1963 papà compro un altro pezzo di terreno.

Nel Novembre del 1964 nacque Wolfgang.

Nel 1966 nostro padre costruì una piccola funivia nei campi di Maurer Sebastian. L'impianto era lungo solamente 200m e di semplice fattura. Chi voleva utilizzarlo riceveva un piatto di plastica attaccato a una corda e doveva successivamente attaccarsi autonomamente all'impianto che lo avrebbe portato su. Una volta giunti in cima bisognava sganciare il piatto, slegarlo e poi via di nuovo verso il basso.

Nel 1967 ricominciarono i lavori. Vennero aggiunti una piscina, altre 4 camere e una sala da pranzo. La piscina fu una delle prime strutture coperte di questo tipo a 1650 metri d'altezza.

Il primo Aprile 1971 cominciarono i lavori per la costruzione della strada.

Nel 1975 vi furono nuovi lavori: vennero costruite la cantina dei vini, altre 5 camere, una “stube” in legno di cirmolo e una sala comune. Inoltre, dopo 15 anni, venne costruito anche un appartamento privato.

Nel 1975 nacque la seconda figlia femmina Isolde.

Nel 1980 nostro padre venne eletto sindaco di Dobbiaco. Seguì un periodo tanto bello quanto impegnativo! Il suo compito di portare avanti l'attività contemporaneamente alle mansioni e agli impegni in comune fu portato a termine solo grazie al grande supporto di tutta la famiglia.

Nel 1987 la figlia Sieglinde sposò il suo Guenther. Oggi sono genitori di Danny (1993) e Hanna (1996).

Nel 1989, per migliorare la qualità del nostro hotel venne costruita una sauna con solarium e idromassaggio oltre ad una nuova entrata e ad uno spazio esterno per il tempo libero con campo da tennis, pista di bocce, un prato per prendere il sole, uno spiazzo per le grigliate e un garage interrato.

Negli anni fra il 1996 e il 2002 vennero ristrutturati la sala da pranzo, alcune delle camere, la piscina e la cucina.

Nel 1998 Wolfgang sposò la sua Sonja. Oggi sono genitori di Maximilian (1997), Benedikt (2000) e Katrin (2002).

Nel 2005, all'età di 74 anni e dopo un percorso di vita movimentato e ricco di successi, venne a mancare nostro padre. Qui di seguito alcune significative tappe della sua vita:

Dal 1970 al 1980: consigliere comunale di Dobbiaco.
Dal 1980 al 1990: sindaco del comune di Dobbiaco.
Dal 1992 al 2004: Presidente del consiglio d'amministrazione della Cassa Raiffesen di Dobbiaco e presidente dell'azienda elettrica di Dobbiaco
Nel 1984: sindaco dei giovani.
Medaglia d'oro al merito da parte del Tirolo.
Targa d'onore in oro da parte del comune di Dobbiaco.
Spilla d'onore in bronzo della Cassa Reiffeisen.
Membro onorario dei vigili del fuoco volontari di Santa Maria.

Nel 2006 il riscaldamento a olio venne sostituito da un ecologico impianto di teleriscaldamento a trucioli di legno.

2009 Viene allargato il magazzino e la lavanderia e stireria vengono trasferiti.

2013 Il pianoterra viene trasformato. La terrazza, il deposito ski e l’entrata vengono ristrutturati e le camere pianoterra vengono completamente rinnovate. Inoltre viene costruito una veranda che può essere usata come soggiorno oppure come ristorante.

OFFERTE & NOVITÀ

Alpenhotel Ratsberg - Famiglia Stauder Ratsberg Nr. 12 - I-39034 Dobbiaco - Alto Adige
Tel.: + 39 0474 972213 - Fax: + 39 0474 972916 |
info@alpenhotel-ratsberg.com | www.alpenhotel-ratsberg.com

Nel rispetto della direttiva 2009/136/CE ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti. Continuando a navigare su questo sito si dichiara di accettare l’utilizzo dei cookie.

Ulteriori approfondimenti Ok